Due interessanti articoli per parlare di come i cavalli estraggono informazioni dal mondo e le elaborano, e del modo in cui l'equitazione ha (o NON ha) integrato queste capacitá nei suoi metodi. In questo primo articolo, le principali teorie dell'apprendimento.

di Rachele Malavasi, Etologa

PARTE 1 - Le teorie dell’apprendimento: comportamentismo e cognitivismo

I cavalli sono sottoposti a regimi di vita che spesso non riescono a tenere conto delle loro esigenze etologiche, per motivi che vanno dalla gestione inadeguata a metodi di addestramento obsoleti, o persino all'ignoranza dei tecnici. Una ricerca condotta in Australia nel 2008 ha dimostrato che solo una piccolissima percentuale di tecnici (ufficialmente riconosciuti dall’Equestrian Federation of Australia, EFA) sapeva definire il rinforzo positivo, il concetto di punizione ed altri elementi della teoria dell’apprendimento che però dichiaravano di usare quotidianamente.
Al di là dell’esempio australiano, che senz’altro può essere ripetuto in altri paesi con simili risultati, spesso la tendenza a seguire pratiche ‘tradizionali’ o comunque ‘che hanno sempre funzionato anche per i più grandi cavalieri...’, pone i tecnici nel grave rischio di abusare del cavallo senza magari rendersene conto. Un uso non corretto dei rinforzi, infatti, può degenerare facilmente nella percezione da parte del cavallo di una punizione, con conseguente sviluppo di paura, frustrazione e un drastico decremento della capacità di apprendimento e del benessere. Inoltre, se non si conoscono le basi delle tecniche di insegnamento che usiamo oggi, sarà impossibile andare avanti ed applicare una visione critica di ciò che stiamo facendo. E’ importante quindi conoscere le basi della teoria dell’apprendimento in campo equestre, per evitare di mettere il nostro cavallo sotto stress.
In una serie di articoli, ripercorreremo lo sviluppo delle teorie dell’apprendimento più seguite, parleremo di come apprendono i cavalli e definiremo rinforzi e aiuti. E’ importante conoscere le teoria dell’apprendimento, piuttosto che arrivare subito alla soluzione pronta (applicare x nella condizione 1, y nella condizione 2), perché bisogna avere le conoscenze per pensare con la propria testa e saper scegliere se applicare un metodo di apprendimento o un altro.

Comportamentismo
La teoria dell’apprendimento non è stata sviluppata per addestrare i cavalli; inoltre, non ne esiste una soltanto. La teoria comportamentista è quella che viene più spesso utilizzata con gli animali non-umani, ed è nata anni ’60-70 grazie soprattutto al contributo di Pavlov, Skinner, Watson e Thorndike.
Nasce come risposta alla corrente di psicologia introspettiva che aveva dominato il XIX-XX secolo e che si interessava soprattutto alle emozioni (soggettive) che seguivano un evento. I comportamentisti, che cercavano dati misurabili, proposero di studiare i processi di stimolo-risposta, i risultati dei quali sono comportamenti oggettivi e misurabili. Famosissimo è il caso del cane studiato da Pavlov, che inizia a salivare quando vede del cibo (stimolo = cibo, risposta = salivazione). L’attrattività del cibo è misurabile in maniera oggettiva dal tasso di salivazione. Quelli di Pavlov sono esperimenti di condizionamento classico, in cui il soggetto non compie un’azione ma automaticamente produce una risposta, mentre si deve a Skinner la definizione del condizionamento operante: l’individuo produce un’azione per ottenere un premio (per esempio, un ratto che preme la leva per ottenere cibo).
Con i cavalli spesso si usa il condizionamento operante: si chiede di compiere un’azione (es. gira a destra) che normalmente non porterebbe ad una ricompensa ma il partner umano farà in modo che la ricompensa arrivi (quando il cavallo gira, verrà rimossa la pressione); si parla in questo caso di rinforzo negativo, ma ne parleremo più avanti).
Secondo i comportamentisti, la principale motivazione all’apprendimento è esterna al soggetto che apprende, cioè deriva da una ricompensa che viene elargita. La conoscenza viene saldamente impressa attraverso la costante ripetizione degli stimoli e dell’associazione di premi con la risposta giusta. Il soggetto quindi acquisisce dei moduli comportamentali, che ripeterà in maniera non flessibile quando viene riproposto lo stesso stimolo (un po’ come quando spegniamo la sveglia ancora addormentati la mattina!). I comportamentisti quindi non pensano che l’apprendimento possa essere in qualche modo il risultato di un’elaborazione mentale. Per fare un esempio, mettiamo che un cavallo abbia imparato a salire su una pedana in un certo luogo. Secondo il comportamentista, lo stesso cavallo dovrà sforzarsi di imparare nuovamente a salire su quella pedana se questa viene spostata altrove, perché gli stimoli sono diversi e quindi la sua risposta sarà diversa. In questo caso non si tiene conto del fatto che il cavallo potrebbe (come in effetti sa fare) generalizzare gli stimoli e salire sulla pedana comunque (posta una condizione di stress intermedio e non eccessivo, come purtroppo si verifica spesso nei contesti equestri – vedi ultimo paragrafo). Visto che non viene considerata la memoria come fonte di elaborazione dell’azione, nel comportamentismo il passato viene preso in considerazione solo nei termini di quale ‘storia di rinforzi’ il soggetto ha (cioè, per quali comportamenti ha ricevuto dei rinforzi), ma non si tiene conto dell’ambito emotivo in cui ha avuto questi rinforzi: l’incapacità di dare la risposta giusta è attribuita a qualche mancanza nella storia del soggetto e non, per esempio, ad un contesto di apprendimento stressante.
Il formatore, in tutto questo, ha il compito di plasmare il comportamento del soggetto proponendo, per piccoli passi, un percorso di apprendimento che sarà all’incirca uguale per tutti e per cui alcuni soggetti avranno bisogno di meno ripetizioni ed altri di più ripetizioni; alcuni di un certo tipo di rinforzo, altri di un altro. Questo metodo si è rivelato estremamente efficace nell’apprendimento di nozioni matematiche e scientifiche, molto meno invece per gli aspetti più creativi dell’apprendimento, quali la scrittura, lo studio delle culture o degli eventi storici.

Cognitivismo
La teoria cognitivista (sviluppata principalmente da Piaget e Perry all’inizio degli anni ’70 – per semplicità, consideriamo il costruttivismo come corollario del cognitivismo e non come una corrente a sé) pone più attenzione sugli atteggiamenti e sui processi mentali che non sui comportamenti direttamente osservabili, e tiene conto della componente emotiva delle esperienze passate. Quindi, se qualcosa è stato appreso in una situazione di conflitto, altre conoscenze che ne conseguono avranno sempre un elemento conflittuale al loro interno, rendendo l’apprendimento più difficile. Inoltre, poiché si basa sull’elaborazione delle conoscenze, mira ad insegnare strategie: il formatore deve aiutare il soggetto a sviluppare le abilità che, combinate in maniera diversa a seconda del contesto, possono aiutarlo a risolvere diverse situazioni. Nel quadro comportamentista, invece, dovrebbero esistere tante risposte prefissate quanti sono i possibili scenari.
Ne deriva una differente motivazione all’apprendimento rispetto ai comportamentisti: mentre questi ultimi ritengono che il premio sia la principale motivazione per apprendere, secondo i cognitivisti si vuole apprendere per migliorare le proprie condizioni di vita. Visto che l’apprendimento passa attraverso l’elaborazione personale sia del dato appreso che del contesto, la conoscenza non è uguale per tutti, ma ciascuno attribuisce dei significati ai dati esistenti sulla base delle proprie esperienze e conoscenze pregresse, e si costruisce la propria mappa di conoscenze. Così, eventi storici possono essere interpretati diversamente a seconda di ciò che si sa essere accaduto prima. Parlando di cavalli, salire su un trailer diventa molto semplice se le esperienze passate con passaggi bui e stretti si sono sempre rivelate positive (ad esempio, una strettoia porta ad un grande pascolo).
E’ chiaro che questa mappa di conoscenze è anche relativa al luogo (contesto) di apprendimento: stringersi la mano ha un significato per alcune culture ed un altro per altre, così come agitare la coda porta un messaggio diverso in cani e gatti. Il cognitivismo quindi ritiene che l’apprendimento debba avvenire in una cornice quanto più reale possibile ed essere inserita nelle dinamiche della comunità di appartenenza. Questo potrebbe essere un buono spunto da applicare con il cavallo: sarebbe interessante che le nostre richieste e insegnamenti, che per la maggior parte non hanno legame con la vita sociale del cavallo, vengano invece inserite in una cornice reale anche per lui. Se la comunità di appartenenza del cavallo domestico è quella formata da altri cavalli e dall’uomo assieme, trovare un modo per fargli capire che le competenze apprese lo possono aiutare a vivere meglio in questa comunità, renderà senz’altro più interessante e semplice tutto il processo di apprendimento.

Conclusione
Molto di ciò che viene comunemente insegnato al cavallo deriva dall’associazione fra stimolo e rinforzo (nel caso più comune: aiuti = stimolo, rinforzo = rimozione degli aiuti) e quindi è legato più alla teoria comportamentista che non a quella cognitivista. Tuttavia, la scienza (e i risultati di alcuni esperti cavalieri) ci dimostra che il cavallo è un animale cognitivo, per cui è possibile applicare l’approccio cognitivista al suo insegnamento. Ad esempio, i cognitivisti danno molta importanza al confronto con prospettive differenti ai fini dell’apprendimento. Le nostre rappresentazioni cioè possono cambiare quando ci troviamo a confrontarle con quelle di altri. Questo meccanismo è alla base dell’apprendimento sociale: osservare la mamma che coglie le ortiche con i guanti insegna che le ortiche sono (come suggerisce il nome) urticanti. La mia conoscenza riguardo alle ortiche quindi cambia sulla base di ciò che sto osservando fare da altri soggetti di riferimento. I cavalli sono in grado di fare lo stesso: un cavallo che osservi un altro seguire un essere umano, lo seguirà a sua volta (Krueger e Heinze 2007). Questo però si verifica solo se il cavallo dimostratore (il primo che segue) è più in alto nella gerarchia rispetto all’osservatore, altrimenti non c’è molto da fidarsi delle sue scelte... così come il bambino imita più facilmente la madre che non altri bambini (nei cani, vedi per esempio il ‘Do ad I do’ di Claudia Fugazza).

Sebbene sia chiaro il desiderio di prediligere le metodologie cognitiviste, il comportamentismo non é del tutto sbagliato. Infatti, sia noi che il cavallo che altri animali impariamo per prove ed errori e anche per stimoli e risposte. Abbiamo alcune risposte prefissate la cui probabilità di verificarsi è tanto più alta quanto maggiore è la ricompensa. I due sistemi si integrano in una vita dinamica e flessibile. Fate attenzione quindi a qualsiasi soluzione che proponga uno solo dei due sistemi come valido, per qualsiasi forma di vita complessa (multicellulare!!!) si tratti.
Pensate con la vostra testa! Dare al cavallo dell’avena solo se ha un atteggiamento positivo è comportamentista (stimolo = ti mostro l’avena, risposta = mi calmo, ricompensa = ecco l’avena), ma non è di per sé sbagliato.
Poste le basi della conoscenza del comportamentismo e del cognitivismo, nel prossimo articolo parleremo quindi di come il cavallo apprende e quali meccanismi usa... almeno per quanto noto fino ad oggi. Quindi parleremo delle tecniche di apprendimento che vengono usate attualmente e speriamo di stimolare una discussione su come possa essere possibile integrare quello che sappiamo con nuovi metodi di apprendimento.

Bibliografia
Berkeley Teaching & Resource Center – Learning: Theory and Research - http://gsi.berkeley.edu/gsi-guide-contents/learning-theory-research/
Krueger, Konstanze, and Jürgen Heinze. "Horse sense: social status of horses (Equus caballus) affects their likelihood of copying other horses’ behavior." Animal cognition 11.3 (2008): 431-439.
Warren-Smith, Amanda K., and Paul D. McGreevy. "Equestrian coaches' understanding and application of learning theory in horse training." Anthrozoös 21.2 (2008): 153-162.

Trovi qui la seconda parte della serie sull'apprendimento: L'Apprendimento nel Cavallo - Parte 2

Articoli

Stereotipie e Dopamina

Perché un cavallo ticchia per ridurre la sua frustrazione? Perché proprio quel comportamento apparentemente inutile e dannoso? Per reagire allo stress, il cavallo altera il suo cervello in modo di trovare senso in azioni che non l'avrebbero, come le stereotipie. Si crea un finto mondo dove prova piacere per sopperire alla sua grave assenza in quello reale.

Di Rachele Malavasi, etologa e consulente scientifico SEE

Leggi tutto

Gli effetti dell'uso dell'imboccatura

di Rachele Malavasi, etologa e referente scientifico SEE.

Il dibattito circa gli effetti dell’uso dell’imboccatura è uno fra i piú accesi in ambito equestre. La scienza dice la sua attraverso ricerche obiettive, che possono aiutarci a scegliere per il benessere del nostro amico cavallo senza lasciarci influenzare da una o l’altra corrente di pensiero.

Leggi tutto

L'introduzione di un cavallo in un branco domestico

di Rachele Malavasi, Etologa e Consulente scientifico SEE

L’introduzione di un cavallo in un branco domestico è un processo complesso e delicato che non va preso alla leggera. Prima di introdurre un cavallo in branco bisogna informarsi accuratamente e, nel caso, affidarsi al supporto di un professionista, ed è comunque importante non comportarsi da autodidatta. Quali sono gli elementi da considerare?

Leggi tutto

La relazione Etica con il Cavallo

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Nell'arco della mia vita in molte occasioni durante i corsi di formazione o stage con istruttori di equitazione ho sentito spesso usare la frase "relazione con il cavallo" con significati molto diversi ma, se dovessi ricordarne uno, farei fatica.

Leggi tutto

La marcatura emozionale

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Le emozioni sono importanti componenti della mente perché rappresentano dei veri e propri marcatori delle esperienze vissute dal cavallo, nel senso che ogni nuovo evento può essere "agganciato" a emozioni piacevoli oppure spiacevoli in base a che tipo di emozioni ha suscitato in prima istanza quel particolare oggetto o situazione.

Leggi tutto

Controllo del cavallo versus sviluppo del suo autocontrollo

"Preferisco investire il tempo nello sviluppo dell'AUTOCONTROLLO del cavallo, non nel controllo del suo movimento!"

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

L'educazione nasce dalla Relazione Quotidiana

Allargare il piano delle conoscenze, impostare stili e abitudini, strutturare il carattere del puledro nelle sue risposte emozionali, rafforzare la memoria e le capacità cognitive, impostare un profilo fiducioso, calmo, aperto al mondo sono alcuni degli obiettivi che si possono raggiungere attraverso una corretta educazione.

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

Il cavallo è "imbrancato"? ...e menomale!

I cavalli sono animali sociali che vivono in branco, organizzati in gruppi o bande. Ogni cavallo è per sua stessa natura imbrancato e guai se non lo fosse perché l'evoluzione naturale della sua specie l'ha selezionato così. Non è infatti concepibile per un equino, così come per un essere umano (per quanto alcuni talvolta lo auspichino, senza peraltro averlo provato), una vita equilibrata condotta in totale solitudine ed isolamento, neppure in uno sconfinato pascolo!

Leggi tutto

Scarichiamo bene il cavallo alla longia prima di montarlo!

Visitando diversi centri mi capita ancor oggi di ascoltare discorsi sui cavalli del tipo "Devo farlo un po' stancare prima di montarlo, così si scarica un po'!" oppure "Lo metto in circolo così lo faccio sfogare", o ancora "Lo mando un po' in riserva perché è troppo carico".
I cavalli non sono pentole a pressione che vanno sfogate prima di essere aperte!

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

Dominanza? No, grazie!

Il mondo dei cavalli è fatto di collaborazione, non di ubbidienza e tanto meno di scale gerarchiche e abitudini da caserma.
Le parole dominanza, gerarchia, comandi, rispetto, sottomissione hanno a che fare più con le proiezioni antropocentriche che non con le effettive logiche relazionali proprie della specie equina.

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

L'educazione fisica del cavallo da un nuovo punto di vista

Educazione fisica significa in primo luogo conoscenza del proprio corpo.
Per il cavallo conoscere il proprio corpo vuol dire, da un lato, averne consapevolezza, dall'altro, sapere come muoverlo nello spazio con competenza e quindi possedere ampi schemi di movimenti che risultino familiari ed esprimibili in modo corretto, con precisione e destrezza.

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

La Socializzazione primaria e secondaria

Il cavallo, per retaggio filogenetico, è un animale fortemente sociale ma deve sviluppare abilità e capacità che gli consentano di riconoscere come partner sociali sia gli altri cavalli (socializzazione primaria), sia noi umani (socializzazione secondaria) e imparare a interagire con loro con competenza.

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

CAVALLI=PREDE E UMANI=PREDATORI?

Facciamo un po' di chiarezza su questo tema.
Quante volte hai sentito dire da istruttori e appassionati di cavalli che il cavallo è una Preda e noi siamo dei Predatori? Oppure il cavallo istintivamente ci teme perché ci vede come un predatore, odoriamo da predatori (specie se mangiamo carne) e abbiamo gli occhi frontali come i predatori?

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

PERCHÉ NON UTILIZZIAMO L’IMBOCCATURA DURANTE UN'ESCURSIONE

La capezza con la sua longhina sono prima di tutto uno strumento di sicurezza per il cavallo ogni volta che ci si debba spostare insieme, sia all'interno dei centri equestri che in prossimità di strade, centri urbani o zone affollate, perché spesso, negli ambienti antropizzati (e di conseguenza non consoni alla natura degli equini), basta veramente poco per rischiare di coinvolgere il cavallo in un incidente mettendo a rischio persino la propria vita e quella altrui.

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

SMETTI DI BRUCARE!!!

Quante volte durante un'escursione hai visto strattonare le redini, spesso anche attaccate ad un'imboccatura, per evitare che il cavallo si fermi a mangiare l'erba? Ogni volta che il malcapitato abbassa la testa verso un ciuffo prelibato ecco che arriva puntualmente lo strattone da parte dell'umano impaziente di procedere a passo spedito.

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

Convegno “La relazione millenaria uomo-cavallo fra passato e futuro"

21 marzo 2016 - Università Cattolica di Milano
Successo del convegno incentrato sul futuro dell’equitazionetotalmente i posti dell’aula Magna della Cattolica di Milano. Tra i tredici relatori invitati dall’organizzazione a portare il proprio punto di vista, ben due esponenti della Scuola di Equitazione Etica (SEE) che ha la sua sede italiana a Moncigoli di Fivizzano: il responsabile nazionale della SEE Andrea Montagnani e la referente scientifica della scuola, l’etologa ricercatrice internazionale Rachele Malavasi.

Leggi tutto

Il cavallo iperattivo

Ci sono cavalli che proprio non riescono a stare fermi vicino all'umano: saltano addosso, corrono all'impazzata, tirano alla corda e, perfino quando sono esausti, non si fermano perché la loro mente proprio non è in grado di tranquillizzarsi e fermarsi un attimo. 

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

Stereotipie dei cavalli

Cosa sono le stereotipie?

Si tratta di comportamenti ossessivi compulsivi messi in atto dagli animali in modo ripetitivo e non funzionale e che non sono attuati con una finalità precisa.

Leggi tutto

La posizione del cavaliere in discesa

Illustriamo in questo articolo la biomeccanica della posizione in discesa del cavaliere così come viene condivisa dalla Scuola di Equitazione Etica.

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

L'Apprendimento nel Cavallo - Parte 2 - Abilitá cognitive nel giusto contesto

In questo secondo articolo della serie sull'apprendimento si parla di come il cavallo legge ed interpreta il mondo, e di come modifica i suoi comportamenti di consequenza.

di Rachele Malavasi, Etologa

Leggi tutto

L'Apprendimento nel Cavallo - Parte 1 - Comportamentismo e cognitivismo

Due interessanti articoli per parlare di come i cavalli estraggono informazioni dal mondo e le elaborano, e del modo in cui l'equitazione ha (o NON ha) integrato queste capacitá nei suoi metodi. In questo primo articolo, le principali teorie dell'apprendimento.

di Rachele Malavasi, Etologa

Leggi tutto

L'importanza delle emozioni nell'insegnamento

La vita emozionale del Cavallo è molto ricca e rappresenta una variabile basilare per la sua vita sociale e la sua relazione. Ma allora come si può insegnare al cavallo attraverso le emozioni positive?

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto

Una nuova chiave di lettura

Un paradigma è una chiave di lettura della realtà.

Nella storia dell'equitazione si sono succeduti tre paradigmi fondamentali. Il paradigma utilizzato per eccellanza nel passato è stato quello della dominanza legato alla teoria del capobranco e la sottomissione del cavallo.

Leggi tutto

Ogni essere vivente ha necessità di comunicare per poter sopravvivere

Ogni essere vivente ha necessità di comunicare per poter sopravvivere.

Ogni momento trascorso insieme ai cavalli ci ha di certo insegnato che dobbiamo confrontarci con una comunicazione decisamente diversa da quella che abbiamo abitualmente con altre persone umane.

Leggi tutto

Il cavallo da solo …è un cavallo triste!

“Cosa vuole di più il mio cavallo? Mangia ottimo fieno tutti i giorni, beve al suo beverino, dorme al caldo nel suo box di legno e ha a disposizione anche un paddock!" 
“Ho salvato il mio cavallo dal macello ed ora vive sereno e felice presso un maneggio ed ha ben 500 mq solo per lui. Cosa potrebbe desiderare di più?”

Leggi tutto

Un codice etico sottoscritto dai professionisti di equitazione

L’Equitazione Etica non è per tutti, poiché non si tratta di uno sport o di una disciplina, ma è un vero e proprio stile di vita che richiede la condivisione di valori di rispetto del prossimo, di apertura verso l’altro, di accoglienza delle differenze individuali e di specie, di assenza di giudizio, di collaborazione inter ed intraspecifica, di umiltà, di disponibilità alla crescita e formazione continua.

Leggi tutto

Il cavallo cognitivo: da Clever Hans ad oggi

Memoria, riconoscimento cross-modale, comunicazione intenzionale...sono solo alcune delle strabilianti abilitá cognitive che i cavalli possiedono e che usano soprattutto per mediare le relazioni nel branco.

di Rachele Malavasi, etologa

Leggi tutto

L'Educazione del Cavallo - Le 10 regole fondamentali

E-ducare significa letteralmente condurre fuori, in riferimento al potenziale di ognuno.
Per tirare fuori un potenziale è necessario che tra gli interagenti ci sia comunicazione e che ci siano rispetto e fiducia reciproci. Chi nella coppia ha il ruolo di far emergere il potenziale è in quel momento guida dell'altro in questo processo.

Leggi tutto

L'importanza delle parole

Le parole sono l'espressione di un pensiero, ma è vero anche il contrario: l'uso di una parola piuttosto che un'altra può condizionare il nostro modo di pensare e, di conseguenza, di agire.

Leggi tutto

Il compromesso della cattività

Riteniamo sia importante chiedersi spesso cosa possiamo fare, noi esseri umani, per i nostri compagni equini che, volenti o nolenti, non hanno altra possibilità di vita che insieme a noi. Siamo infatti noi a scegliere loro, imponendo le nostre decisioni in merito ad ogni aspetto della loro esistenza e il viceversa è una possibilità non contemplata nel mondo reale.

Leggi tutto

Certificato Medico per attività sportiva

Per fare un po' di chiarezza sulle certificazioni mediche richieste per lo svolgimento di attività sportiva, riportiamo qui di seguito le principali modifiche introdotte dal c.d. Decreto del Fare.

Leggi tutto

Il Cavallo Etico - Senso di giustizia e moralità nel mondo animale

Proponiamo la traduzione di questo famoso articolo dal titolo evocativo di "Il Cane Etico" scritto da Marc Bekoff, famoso etologo e biologo evoluzionista per soffermarci a riflettere sull'evoluzione del senso di giustizia e della moralità nelle varie specie animali. In questo contesto sarà facile, con le dovute differenze, traslare i concetti esposti per una innovativa visione della specie equina "Il Cavallo Etico".

Leggi tutto

L'ingaggio motivazionale

Sono fermamente convinto che i comportamenti dei cavalli non siano mossi esclusivamente da stimoli esterni ma ritengo che ciò che muove il comportamento siano le motivazioni interne presenti in ogni soggetto.

"Le foglie sono mosse dal vento", gli animali invece, come ben descrive il nome stesso, si muovono per una propria forza interna alimentata dalle motivazioni.

di Andrea Montagnani, Formatore Nazionale di Equitazione Etica

Leggi tutto
Ritorna al top